SPAZIO INCLUSIONE

IoRobot propone una iniziativa dedicata a tutte le persone che si confrontano con apprendimenti diversi da quelli tradizionali e che abbiano la necessità di impiegare strumenti didattici innovativi, in vari contesti di apprendimento.

L’iniziativa si svilupperà nel FabLab IoRobot di Crema come strumento di potenziamento nell’apprendimento per  bambine/i, ragazze/i all’interno dello spettro autistico.

  • L’approccio utilizzato segue gli interessi del bambino-ragazzo, nell’ambito della robotica, delle costruzione di meccanismi automatici, semi-automatici, macchine e piccole apparecchiature,  si basa su un programma teso a facilitare il suo progredire sulla scala dello sviluppo di piccole abilità nella costruzione e programmazione.
  • Il corso comprende piccoli aspetti teorici volti a scoprire o ad approfondire sia alcuni aspetti della robotica educativa, intesa come strumento didattico, che attività pratiche laboratorio.
  • I partecipanti, ragazze/i dai 6-14 anni  con disturbi dello spettro autistico, saranno coinvolti nella realizzazione di lezioni per attività specifiche.
  • Verranno presentate schede e buone pratiche di attività didattiche, di lezioni con  discussione di alcuni casi se la situazione lo permetterà.
  • Lo scopo del corso non è insegnare la robotica, ma insegnare attraverso l’uso della robotica, ovvero la proposta è di una metodologia per facilitare gli apprendimenti e migliorare le relazioni all’interno di un gruppo con un approccio calibrato sulle differenti persone che apprendono.
  • Le attività laboratoriali hanno interventi mirati alla riduzione di comportamenti problematici e all’insegnamento di abilità tramite semplici programmi di modifica del comportamento, es. differenti strategie di rinforzo, istruzioni per affrontare le piccole difficoltà nel seguire le  istruzioni di  costruzioni, modalità di chiedere ulteriori chiarimenti in merito, modalità di illustrare agli altri partecipanti  il lavoro svolto.
  • Si intende altresì proporre interventi pratici di modelli comportamentali basati sulle capacità imitative e per far sviluppare  meccanismi di apprendimento per imitazione,  efficaci finalizzati a limitare  i comportamenti problematici e per promuovere la regolazione sensorio-emozionale.
  • L’utilizzo di  diversi interventi mirati allo sviluppo delle capacità dell’attenzione (es. joint attention) e strategie di peer-training
  • I percorsi proposti  non vogliono essere laboratori in cui l’uso del robot viene inteso come  mediatore sociale in ambito riabilitativo-terapeutico mirando a supportare lo sviluppo e la maturazione cognitiva di soggetti con disabilità.
  • I percorsi si intendono come laboratori ludici creativi.